EventiNews

Come aumentare la fiducia dei donatori e potenziare la raccolta fondi grazie alla blockchain

Il 7 e l’8 ottobre, presso la Fondazione Stelline a Milano, avrà luogo la sesta edizione di Reinventing.

L’evento, promosso dalla società di consulenza e comunicazioni Atlantis Company, dedicato alla crescita del Terzo settore e all’innovazione nel non profit, ha in programma oltre 25 appuntamenti in cui si discuterà di fundraising e comunicazione sociale, ma anche di Risorse Umane, sottolineando la necessità di investire nella formazione di professionisti altamente specializzati e in grado di elaborare strategie creative ed efficaci.

Parteciperanno all’evento oltre 60 relatori, condividendo know-how e best practice, raccontando la loro esperienza diretta.

In apertura saranno protagonisti i rappresentanti di Cesvi, Ospedale Don Raffaele e GoFundMe, la piattaforma di crowdfunding che ha raccolto il maggior numero di donazioni durante l’emergenza Covid-19 nel 2020, per parlare dell’importanza della comunicazione nel settore non profit.

Tra le aziende presenti all’edizione Reinventing 2021 ci sarà anche Consulenza e Risorse per parlare di blockchain e di quanto il fattore sicurezza risulti fondamentale per incentivare i donatori e potenziare la raccolta fondi.

L’evento si svolgerà esclusivamente in presenza e in assoluta sicurezza ed è possibile partecipare iscrivendosi direttamente sul sito.

Incrementare la raccolta fondi grazie alla tecnologia blockchain

Consulenza e Risorse (CeR) è una società di consulenza nata nel 2014 dall’unione di competenze trasversali nel campo della finanza, della tecnologia e dell’innovazione, con l’obiettivo di aiutare aziende e startup ad implementare progetti di ricerca, sviluppo e innovazione.

Attraverso la valorizzazione delle tecnologie 4.0 CeR aiuta le aziende a raggiungere i propri obiettivi di business creandone le condizioni per la trasformazione digitale e assicurandone la sostenibilità di investimento grazie alla ricerca di incentivi fiscali e finanziari.

Durante il suo intervento all’interno di Reinventing CeR spiegherà come attraverso la tecnologia blockchain sarà possibile tracciare e notarizzare in modo costante l’utilizzo delle donazioni, permettendo ai donatori di esercitare maggiore controllo sulla crescita dei progetti ai quali decideranno di contribuire. Parteciperanno anche il Ceo di Charity Wall e l’Associazione NO Profit Take Me Back, raccontando la use case progettata e gestita da CeR.

Infatti, una delle maggiori preoccupazioni di chi dona per una buona causa è la scarsa certezza che il suo contributo arrivi effettivamente a destinazione. Tale dubbio determina la rinuncia di molti potenziali donatori ad aiutare onlus anche rinomate, sostenute da decenni di comprovata attività, e a declinare campagne di fundraising e crowdfunding, nonostante si tratti di cause per loro significative.

Al contrario, utilizzare il sistema blockchain nel non profit comporterebbe numerosi vantaggi sia per i donatori che per gli enti benefici. Infatti, garantendo trasparenza totale e responsabilità pubblica ai donatori sarà possibile accrescere e cementare la loro fiducia, e una volta rassicurati vorranno più volentieri fare la loro parte.

Inoltre, garantire massima tracciabilità e trasparenza rafforzerà la reputazione delle stesse organizzazioni.

Altro punto a favore è la decentralizzazione che permette di velocizzare gli scambi spostando il denaro dai donatori alle organizzazioni in modo diretto e su scala globale; in più, l’utilizzo della tecnologia blockchain consente una maggiore tutela dei dati e di eventuali documenti importanti che non possono essere modificati senza l’approvazione di tutti i membri.

Con la crescita delle emergenze sanitarie e ambientali, la beneficenza ha bisogno di aumentare le donazioni e non può permettersi di perdere donatori preziosi.

Aiutare chi vuole fare la differenza a sentirsi sicuro e verificare in qualsiasi momento i risultati raggiunti, sta diventando prioritario per tutte le organizzazioni coinvolte in azioni di charity che grazie alla blockchain avranno l’opportunità di consolidare il rapporto di fiducia con i donatori e di incrementare la raccolta di fondi per i loro progetti.

Se lavori già nel non profit o vuoi fare parte di questo settore, Reinventing 2021 rappresenterà un’occasione unica di confronto e di networking. Iscriviti ora!

Il 7 e l’8 ottobre, presso la Fondazione Stelline a Milano, avrà luogo la sesta edizione di Reinventing.

L’evento, promosso dalla società di consulenza e comunicazioni Atlantis Company, dedicato alla crescita del Terzo settore e all’innovazione nel non profit, ha in programma oltre 25 appuntamenti in cui si discuterà di fundraising e comunicazione sociale, ma anche di Risorse Umane, sottolineando la necessità di investire nella formazione di professionisti altamente specializzati e in grado di elaborare strategie creative ed efficaci.

Parteciperanno all’evento oltre 60 relatori, condividendo know-how e best practice, raccontando la loro esperienza diretta.

In apertura saranno protagonisti i rappresentanti di Cesvi, Ospedale Don Raffaele e GoFundMe, la piattaforma di crowdfunding che ha raccolto il maggior numero di donazioni durante l’emergenza Covid-19 nel 2020, per parlare dell’importanza della comunicazione nel settore non profit.

Tra le aziende presenti all’edizione Reinventing 2021 ci sarà anche Consulenza e Risorse per parlare di blockchain e di quanto il fattore sicurezza risulti fondamentale per incentivare i donatori e potenziare la raccolta fondi.

L’evento si svolgerà esclusivamente in presenza e in assoluta sicurezza ed è possibile partecipare iscrivendosi direttamente sul sito.

Incrementare la raccolta fondi grazie alla tecnologia blockchain

Consulenza e Risorse (CeR) è una società di consulenza nata nel 2014 dall’unione di competenze trasversali nel campo della finanza, della tecnologia e dell’innovazione, con l’obiettivo di aiutare aziende e startup ad implementare progetti di ricerca, sviluppo e innovazione.

Attraverso la valorizzazione delle tecnologie 4.0 CeR aiuta le aziende a raggiungere i propri obiettivi di business creandone le condizioni per la trasformazione digitale e assicurandone la sostenibilità di investimento grazie alla ricerca di incentivi fiscali e finanziari.

Durante il suo intervento all’interno di Reinventing CeR spiegherà come attraverso la tecnologia blockchain sarà possibile tracciare e notarizzare in modo costante l’utilizzo delle donazioni, permettendo ai donatori di esercitare maggiore controllo sulla crescita dei progetti ai quali decideranno di contribuire. Parteciperanno anche il Ceo di Charity Wall e l’Associazione NO Profit Take Me Back, raccontando la use case progettata e gestita da CeR.

Infatti, una delle maggiori preoccupazioni di chi dona per una buona causa è la scarsa certezza che il suo contributo arrivi effettivamente a destinazione. Tale dubbio determina la rinuncia di molti potenziali donatori ad aiutare onlus anche rinomate, sostenute da decenni di comprovata attività, e a declinare campagne di fundraising e crowdfunding, nonostante si tratti di cause per loro significative.

Al contrario, utilizzare il sistema blockchain nel non profit comporterebbe numerosi vantaggi sia per i donatori che per gli enti benefici. Infatti, garantendo trasparenza totale e responsabilità pubblica ai donatori sarà possibile accrescere e cementare la loro fiducia, e una volta rassicurati vorranno più volentieri fare la loro parte.

Inoltre, garantire massima tracciabilità e trasparenza rafforzerà la reputazione delle stesse organizzazioni.

Altro punto a favore è la decentralizzazione che permette di velocizzare gli scambi spostando il denaro dai donatori alle organizzazioni in modo diretto e su scala globale; in più, l’utilizzo della tecnologia blockchain consente una maggiore tutela dei dati e di eventuali documenti importanti che non possono essere modificati senza l’approvazione di tutti i membri.

Con la crescita delle emergenze sanitarie e ambientali, la beneficenza ha bisogno di aumentare le donazioni e non può permettersi di perdere donatori preziosi.

Aiutare chi vuole fare la differenza a sentirsi sicuro e verificare in qualsiasi momento i risultati raggiunti, sta diventando prioritario per tutte le organizzazioni coinvolte in azioni di charity che grazie alla blockchain avranno l’opportunità di consolidare il rapporto di fiducia con i donatori e di incrementare la raccolta di fondi per i loro progetti.

Se lavori già nel non profit o vuoi fare parte di questo settore, Reinventing 2021 rappresenterà un’occasione unica di confronto e di networking. Iscriviti ora!

Lascia un commento